Archivi tag: Odysseus

Itinerari

L’Associazione Odysseus offre a tutti coloro che ne fossero interessati la possibilità di effettuare escursioni sul territorio del comune di Civitella Paganico. Sono stati approntati 6 itinerari, ognuno con destinazione e caratteristiche diverse. Gli itinerari sono:

  1. Tomba etrusca: visita alla tomba etrusca del Tasso, delle Fornaci, della Fonte del Pino e passeggiata al Castello di Casenovole.
  2. Rocca di Montacuto.
  3. L’Acqua: visita della Valle del Farma, della sorgente dell’acqua frizzante e del Mortaione.
  4. I Paesi: visita alle frazioni di Casale, Pari, Paganico e Civitella M.ma, alla scoperta dei loro piccoli tesori.
  5. Il Bosco (da attivare prossimamente): visita al vecchio bosco delle Ornate, alle sorgenti e alle miniere.
  6. Bucolico: visita alla Nuova Casenovole, l’azienda bio-dinamica più grande d’Europa, e al Lago Fabio.

Scaricate il programma degli itinerari (PDF)

Prenotate subito le vostre visite. Per informazioni:
Perla Giacchieri, tel. 3357674052 – email p.giacchieri@odysseus2007.it
Andrea Marcocci, tel. 3471864451 – email marcocci@odysseus2007.it

La tomba di Casenovole è unica

Da Il Tirreno-Grosseto dell’11 novembre 2007 | Scarica il PDF.

Le scienze che studiano il passato hanno trovato a Casal di Pari tutti quegli stimoli che uno studioso, un archeologo, sogna fin da bambino. Lo si comprese subito, che la tomba di Casenovole, risalente al periodo romano-ellenistico (tra il III e il I secolo avanti Cristo), ritrovata intatta nell’agosto scorso, rappresentava una scoperta straordinaria. Ieri è giunta l’importante conferma.

Per la prima volta i tesori sono stati mostrati al pubblico e l’èquipe del professor Francesco Mallegni ha parlato dei reperti e delle ceneri (uomini, donne e, forse, caso eccezionale, un bambino) rinvenute in quelle urne a due metri di profondità. Gli studi sulla “Tomba del Tasso» (così è stata ribattezzata l’area del ritrovamento) sono iniziati già a fine agosto. Continua a leggere

In vetrina il tesoro di Casal di Pari

Da Archeomedia, fonte Il Tirreno – Grosseto, 9 novembre 2007

Domani il tesoro archeologico rinvenuto in estate a Casal di Pari sarà esposto al castello di Casenovole. Il prezioso contenuto della cosiddetta «Tomba del tasso» vedrà finalmente la luce e potrà essere apprezzato anche dal pubblico. E’ stata organizzata infatti una conferenza, con la partecipazione del professor Mallegni dell’Università di Pisa. In programma anche proiezioni e visite guidate alla tomba.

Motore dell’iniziativa l’associazione archeologica Odysseus, in collaborazione con il Comune di Civitella-Paganico e la Soprintendenza per i beni archeologici della Toscana.
Per la prima volta saranno esposti i reperti archeologici recuperati lo scorso agosto durante le operazioni di scavo che hanno riportato alla luce una tomba etrusca del periodo tardo-ellenistico, in ottimo stato di conservazione. Continua a leggere

Ceneri di un bimbo nella tomba etrusca

Dal sito della Provincia di Grosseto, 30 settembre 2007

SEMBRANO appartenere a uomini, donne e, in un caso, anche a un bambino le ceneri contenute nella tomba estrusca di Casenovole, nel comune di Civitella Paganico: questo è emerso da una prima analisi eseguita dopo l’apertura delle urne da parte dell’équipe del professor Francesco Mallegni, a Grosseto, nei locali della Soprintendenza. «La dottoressa Barbara Lippi e il dottor Giacomo Michelini — spiega Mallegni — hanno effettuato un microscavo all’interno dei 25 contenitori (3 urne in pietra, 3 vasi di bronzo e 19 in ceramica) per risalire al numero degli individui cremati all’interno di ognuno di essi e per preparare il materiale da portare a Pisa per le analisi. Mischiati alle ossa cremate — precisa Mallegni — sono stati trovati piccoli gioielli d’oro e monete in bronzo che permetteranno agli studiosi di ipotizzare il sesso degli individui corredati da questi oggetti e il periodo a cui la tomba appartiene. Sembrerebbe comunque che la tomba risalga al periodo ellenistico, come hanno già ipotizzato gli archeologi. Sembra che ogni contenitore abbia avuto al suo interno un solo individuo e dal volume sembra che in ogni contenuto vi siano rappresentati entrambi i sessi, in un caso anche un bambino, caso rarissimo dato che, generalmente, gli Etruschi non seppellivano gli infanti insieme agli adulti».

IL MATERIALE sarà portato al Laboratorio di Paleoantropologia di Pisa. Le analisi saranno eseguite da Fulvio Bartoli, docente di Antropologia ai Beni culturali di Siena, con sede a Grosseto». «Irrinunciabili — conclude Mallegni — gli scambi interdisciplinari tra antropologi e archeologi, tra la dottoressa Gabriella Barbieri della Soprintendenza archeologica e l’équipe Odysseus»

Da National Geographic: Pristine Pre-Roman Tomb Discovered in Italy

Da nationalgeographic.com, 31 agosto 2007

National Geographic

A 2,200-year-old tomb has been discovered completely intact in central Italy, revealing the remains and ornate possessions of some 30 Etruscans, members of the ancient civilization that ruled the region before the rise of Rome.
The find was unearthed earlier this month by a team of amateur archaeologists working in the woods of Tuscany, 70 miles (115 kilometers) south of Florence.

The 6.5-foot long (2-meter-long) carved stone chamber contains dozens of urns full of human ashes, a typical burial method of the Etruscans, said Andrea Marcocci, an archaeology student at the University of Siena who discovered the site and directed the excavation. Continua a leggere

Dal New York Times: Etruscan tomb in Tuscany

Da New York Times, 21 agosto 2007

Tuscan Hills Are Alive With Amateur Archaeologists

The Etruscan tomb was hidden in such a remote corner of Tuscany that Andrea Marcocci, the archaeology student who found and identified it about a decade ago, was not very worried that anyone else would stumble upon it.

Then, this year, woodsmen began to clear brush in the area, and Mr. Marcocci — who had believed the tomb would be safe as long as it was concealed in a forest — realized he had to act.

“I became worried that what’s supposed to be the patrimony of mankind would become the patrimony of an individual,” he said.

Armed with a permit from the archaeological authorities (in Italy, anything found underground belongs to the state), he and a handful of volunteers began to dig.

What they found last week was a complete surprise: a tomb dating back more than 2,000 years with a cache of almost perfectly preserved ceramic and bronze funerary objects, including cremation urns for more than two dozen people. Continua a leggere

Gli scopritori della tomba perduta

Da Il Tirreno, 19 agosto 2007 | Scarica il PDF.

Ha i contorni della favola, e sta facendo il giro del mondo proprio per questo, il ritrovamento della tomba etrusco-romana di Casenovole, risalente al terzo secolo avanti Cristo, un vero tesoro, nell’entroterra maremmano, a un passo da Casale di Pari. Addirittura l’Herald Tribune, quotidiano di proprietà del New York Times, gli ha dedicato un ampio spazio. Proprio perché di una bella favola si tratta. Con antiche dicerie e leggende che si trasformano in realtà, con tesori che riemergono dal passato e giovani appassionati che divengono degli Indiana Jones.

In ultima analisi, però, è la storia di uno studente di archeologia, Andrea Marcocci, e dei suoi amici (un altro laureando anche lui in archeologia, un paio di architetti e altri appassionati di cose antiche) che sono nati e hanno vissuto da ragazzi a Casale di Pari, a Pari, a Civitella Paganico, tutti paesi vicini l’uno all’altro, che hanno sentito fin da bambini le storie dei vecchi sui cocchi che si trovavano nel bosco di Casenovole, hanno trovato anche loro frammenti antichi, piccole cose ma capaci di far galoppare la fantasia, e alla fine hanno deciso di cercare quelle tombe che dovevano esserci da qualche parte, sotto terra. E l’hanno trovate. Continua a leggere

Da CNN.com: Intact Etruscan tomb discovered

Da CNN.com, 14 agosto 2007

ROME, Italy (Reuters) — Archaeologists have discovered a more than 2,000-year-old Etruscan tomb perfectly preserved in the hills of Tuscany with a treasure trove of artifacts inside, including urns that hold the remains of about 30 people.

The tomb, in the Tuscan town of Civitella Paganico, probably dates from between the 1st and 3rd centuries B.C., when Etruscan power was in decline, Andrea Marcocci, who led digging at the site, told Reuters.

“It’s quite rare to find a tomb intact like this,” said Marcocci, who had suspected one might exist in the area after work on a nearby road scattered pieces of artifacts.

“When we found fragments outside, we thought we would find that the tomb had been violated. But the main burial room was completely intact.”

Inside the tomb, a narrow corridor led to a small burial chamber, about 2 meters long and 1.79 meters wide, he said. It housed about 80 objects including vases and mirrors in bronze and ceramic. Urns holding human remains were also found.

“It’s quite exceptional to find so many objects in a tomb so small,” Marcocci said. “Some of the vases (urns) were fairly small, so we think they were probably for children.”

One of Italy’s first and most mysterious civilizations, the Etruscans lived north of Rome in present day regions of Tuscany and Umbria. Their civilization lasted for about 1,000 years, reaching its height roughly from the 7th to the 6th century B.C., before its cities were replaced by Roman settlements.

Much of what is known about the Etruscans derives from other lavish burial sites, decorated with paintings and filled with vases and other objects.

Nella tomba col batticuore

Da Il Tirreno, 12 agosto 2007 | Scarica il PDF.

Non credevano ai loro occhi. Quando l’ultimo velo di terriccio è caduto, la luce delle torce, nell’anfratto sotto alla collina di Casenovole, nell’entroterra maremmano presso Civitella Paganico, ha illuminato un tesoro. Una tomba etrusco-romana maestosa, intatta, con urne, vasi pieni monete, ampolle, oggetti di corredo e manufatti di bronzo. «Il cuore ci ha sobbalzato – hanno detto gli archeologi – eravamo increduli perchè pensavamo che la tomba fosse già stata depredata, è il nostro primo scavo, non potevamo cominciare meglio». Continua a leggere